Se sei un imprenditore che sta cercando su Internet i servizi che offri, nella speranza di trovare la tua azienda sulla prima pagina dei risultati di ricerca di Google, ci sono buone probabilità che le tue aspettative vengano deluse: perché ciò sia possibile è infatti necessario ottimizzare la tua presenza sul web. Un primo passo per raggiungere questo obiettivo è creare una pagina Google My Business.

Se vuoi ottimizzare il tuo sito web per i motori di ricerca, potresti essere interessato al servizio di posizionamento su Google offerto da Creactivity Web Studio, web agency e studio grafico di Ferrara.

Vediamo ora assieme di cosa si tratta, come funziona e perché è importante per la tua attività.

Cos’è Google My Business e come funziona

Una pagina di Google My Business è uno strumento gratuito (bisogna però pagare dei professionisti per crearla, configurarla correttamente e ottimizzarla) che i consumatori alla ricerca di un servizio locale utilizzano per trovare la tua azienda o attività, così come le informazioni di base relative a essa. Le informazioni necessarie includono, ma non sono limitate a:

  • Il nome dell’attività
  • Accurate informazioni di contatto
  • Orari di apertura
  • La posizione della tua attività

La pagina di Google My Business dovrebbe includere anche una breve descrizione della tua azienda o attività e, se ne hai uno, anche un link al sito web.

Non hai ancora un sito web? Spiegaci le tue necessità e chiedici un preventivo gratuito! Se invece sei ancora indeciso o pensi che un sito web non ti possa servire, prova a leggere il nostro articolo sul perché un sito Internet è importante per il tuo business.

Una volta che la tua attività è stata verificata, quando un potenziale cliente cercherà il servizio che offri nella tua città, scrivendo per esempio “pizzeria a Roma”, in aggiunta ai link a pagamento e ai risultati organici visualizzerà anche un’aggiuntiva miscela di informazioni che puoi vedere nell’esempio qui sotto.

Come puoi vedere nell’immagine qui sopra, ci sono tre sezioni principali disponibili nei risultati di ricerca localizzata:

  1. Gli annunci a pagamento
  2. La mappa con i risultati locali (My Business)
  3. I risultati organici di ricerca

Tradizionalmente, buona parte del budget destinato al web marketing e all’ottimizzazione per i motori di ricerca viene investito nei risultati organici e a pagamento, tuttavia le informazioni fornite da una pagina di Google My Business offrono un immenso potenziale per le imprese quando si tratta di ricerche locali. Guarda di nuovo l’immagine e pensaci: dove ricade maggiormente la tua attenzione?

Non importa quale dispositivo il cliente stia utilizzando per trovarti, la pagina di Google Maps permette a qualsiasi smartphone di effettuare una chiamata con un semplice click, consentendo alle persone di contattare direttamente la tua attività. Nei risultati vengono inoltre mostrate anche tutte le foto che scegli di caricare per rappresentare la tua azienda, i servizi forniti o i prodotti offerti.

Altre funzionalità molto importanti sono l’inserimento da parte dei clienti di commenti e recensioni (con voto da 1 a 5 stelle).

A questo punto potresti chiederti: “È davvero necessaria una pagina di Google My Business se ho già un sito web?” La risposta è sì! Essa sarà complementare al tuo sito web esistente e fornirà un altro modo ai clienti locali di trovarlo.

Passiamo ora a qualche consiglio utile per ottimizzare al meglio la tua pagina.

Perché ottimizzare Google My Business e come farlo

1) Assicurati che le informazioni siano aggiornate e accurate

Quando si sta cercando qualcosa, imbattersi in informazioni inesatte od obsolete nei risultati di ricerca è fastidioso. Per quanto riguarda i risultati di ricerca tradizionali, questo non è quasi più un problema grazie a dei complessi algoritmi sviluppati dai grandi motori di ricerca come Google, tuttavia quando si parla di risultati geo-localizzati sembra che molte attività e aziende si dimentichino di aggiornare le loro informazioni. Tra gli errori più gravi troviamo:

  • Indirizzo obsoleto, che rende ancora più difficile trovare la nuova posizione
  • Orari di apertura errati o mancanti
  • Linea telefonica non funzionante o un numero di telefono che è stato riassegnato a un’altra attività
  • Link a un sito web non più esistente

È incredibile che ci sia ancora una grande quantità di aziende che sono contente di ignorare i problemi sopraelencati, lasciando che essi interferiscano col guadagnare più soldi grazie alle ricerche localizzate.

Puoi immaginare anche tu la frustrazione di un potenziale cliente che si ritrova davanti a ostacoli del genere quando sta cercando di raggiungere un business: si sta praticamente costringendo gli utenti ad andare dalla concorrenza!

2) Mostra credibilità e affidabilità al tuo pubblico

Non si può certo negare che le recensioni possono sia favorire che distruggere un’attività nel mondo digitale. Piattaforme come Yelp, Trip Advisor e Foursquare hanno dato ai consumatori la possibilità di votare le imprese in base a scale predefinite e di scrivere sia recensioni esaltanti che lunghe e dannose diatribe.

Accumulare una buona quantità di recensioni positive può rappresentare la linfa vitale di ristoranti, hotel e aziende locali che prosperano sul turismo, mentre una carenza di recensioni positive e l’abbondanza di recensioni negative possono ostacolare la cattura il traffico locale e far perdere ottime opportunità di business.

Quando ottimizzi la tua scheda su Google My Business, è necessario stabilire prima di tutto la credibilità: questo include l’aggiunta di foto rilevanti, garantire che vi siano informazioni accurate (come indicato nel punto 1) e l’incoraggiare i tuoi clienti soddisfatti a scriverti delle recensioni positive.

Un altro motivo per cui accumulare molte recensioni positive è particolarmente importante è che esse, stando alle linee guida di Google, possono contribuire migliorare il posizionamento della vostra attività nelle ricerche locali, guadagnando così maggiore visibilità.

3) Migliora il posizionamento e intercetta il traffico delle ricerche geo-localizzate

L’ampia diffusione dei dispositivi mobili ha portato sempre più persone a effettuare le ricerche internet dagli smartphone, e in particolare il 2016 è stato un anno di svolta nel mondo digitale: Google ha infatti lanciato diversi aggiornamenti che stanno spingendo le aziende a trarre vantaggio dall’uso dei dispositivi mobili, inclusi gli aggiornamenti che visualizzano i messaggi pubblicitari e gli annunci locali (che saranno spiegati in dettaglio nel punto 5).

Possedere e ottimizzare la tua pagina su Google My Business può aiutarti ad aumentare la visibilità della tua attività molto più dei risultati organici sotto il map finder. Guardiamo per esempio la schermata qui sotto:

In questa schermata troviamo:

  • Una mappa che mostra dove si trovano i ristoranti di Ferrara (che hanno una scheda My Business) mettendo in evidenza i primi tre risultati
  • Le prime tre raccomandazioni con le informazioni essenziali come la media dei voti, la fascia di prezzo (se è stata inserita), gli orari di apertura, la descrizione (se è stata inserita) e il tipo di ristorante
  • Opzioni di filtraggio appena sotto la mappa che possono aiutare gli utenti a trovare più facilmente quello che stanno cercando

Effettuando la ricerca da un punto diverso della città o anche da fuori, i risultati potrebbero essere differenti, questo perché Google posiziona le schede in base a tre fattori principali:

  • Pertinenza: Google analizza la query di ricerca e restituisce i risultati che ritiene più rilevanti. Nell’esempio precedente, le attività visualizzate sulla mappa riflettono esattamente quello che ho cercato, ovvero un ristorante a Ferrara
  • Distanza: Google misura la vicinanza delle attività relativamente alle posizioni specificate nella query di ricerca. Nel caso in cui non venisse specificata una posizione specifica, Google calcolerà la distanza in base a ciò che è noto sulla posizione dell’utente (usando per esempio il GPS)
  • Importanza: come è stato detto precedentemente in questo articolo, Google valuta quanto un’attività sia conosciuta sia online che nel mondo reale. Per quanto riguarda l’ambiente online, Google ha dichiarato che le recensioni possono influenzare le classifiche di ricerca, poiché è attraverso di esse che viene misurata la popolarità delle imprese locali. Nell’esempio utilizzato in precedenza possiamo vedere che ciascuno dei tre ristoranti evidenziati ha accumulato un buon numero di valutazioni e recensioni positive, che ha dato loro un trattamento preferenziale rispetto agli altri ristoranti della zona.

Avere una pagina ottimizzata di Google My Business è di vitale importanza per l’acquisizione del traffico locale e per posizionarsi in alto nelle ricerche locali, soprattutto se si vuole attrarre il traffico proveniente da chi abita nel tuo quartiere.

4) Analizza informazioni che non trovi su Google Analytics

Quando si tratta di valutare il rendimento della tua campagna di ottimizzazione per i motori di ricerca, il set tipico di strumenti utilizzati include  Google Analytics e piattaforme di monitoraggio avanzate per il monitoraggio delle parole chiave, il controllo della struttura del sito e l’analisi dei backlink.

Molti di questi strumenti però non ti forniscono dati importantissimi per le ricerche locali, con Google My Business invece, semplicemente ottimizzando la tua pagina otterrai l’accesso ai seguenti dati:

  • Il numero di impressioni che la tua pagina ha generato, ripartite tra Google Maps e risultati di ricerca
  • Come gli utenti hanno trovato la tua attività, sei con delle ricerche dirette (il nome o l’indirizzo) o query di ricerca generali (parole chiave relative ai prodotti e/o alla categoria di servizio)
  • Il numero di click ricevuti dalla tua scheda, che si dividono come segue:
    • Visite al tuo sito web
    • Richieste di indicazioni stradali
    • Chiamate al numero di telefono indicato
    • Visualizzazioni delle foto

5) Mostra i tuoi annunci pubblicitari agli utenti attraverso i risultati di ricerca e Google Maps

Anche se questo richiede l’utilizzo di un account di Google AdWords, il potenziale del marketing territoriale è enorme. Grazie ai nuovi annunci pubblicitari che sono stati lanciati da Google quest’anno, gli inserzionisti hanno ora la possibilità di promuovere la propria attività all’interno dei risultati di ricerca locale e su Google Maps; le attività promosse in questo modo saranno distinte dai risultati organici con una colorazione viola, come puoi vedere nell’esempio qui in basso preso dalla guida di Google.

La bellezza di questo aggiornamento fornito da Google AdWords è che incentiva gli inserzionisti a fare uno sforzo per ottimizzare i loro annunci di Google My Business, infatti basta già il marchio viola da solo per distinguersi dalla concorrenza e accaparrarsi la fetta più grande del traffico per i risultati di ricerca locale.

Conclusioni

In questa nuova era di ricerca, in particolare tenendo conto dell’importanza della vicinanza, è chiaro che non è più sufficiente ottimizzare soltanto il proprio sito web per i risultati organici (che resta comunque fondamentale per farsi trovare), ma è necessario anche aver ottimizzato strumenti come Google My Business per poter competere al meglio nelle ricerche geo-localizzate e intercettare il traffico relativo ad esse.

Oltre al vantaggio di assicurarsi di fornire informazioni sempre accurate sulla propria attività, abbiamo visto che i vantaggi di ottimizzare una pagina Google My Busisnes sono anche l’acquisizione di più traffico localizzato, l’accesso a più dati da analizzare e l’utilizzo di Google AdWords per convertire più utenti.

Ora che hai capito l’importanza di questo strumento, se vuoi farne uso ma non sai come farlo, puoi rivolgerti a noi compilando questo semplice form e scrivendoci di cosa hai bisogno, realizzeremo per te un preventivo gratuito e personalizzato!